27 Luglio 2018: Eclissi di Luna!

Ci siamo: sono mesi che aspetto questo evento e finalmente domani sera (meteo permettendo) vedrò la mia prima eclissi di Luna!
La sera del 27 luglio 2018 la Terra si troverà tra il Sole e la Luna, proiettando un’ombra sulla nostra vicina cosmica.

Rappresentazione dell’eclissi di Luna, decisamente non in scala. // Credits: http://divulgazione.uai.it/index.php/Cartoline

Il bello dell’eclissi lunare è che si può vedere facilmente anche dalla città e senza telescopio, quindi per domani sera mi raccomando: occhi puntati sul corpo celeste che da secoli muove le maree e i cuori dei poeti.

I miei bulbi oculari e il mio Dobson sono già pronti per ammirare questa meraviglia della natura ingrandita di 136 volte. Non vedo l’ora!
Tenterò di fare una foto della Luna catturata dal telescopio, anche se il Dobson è il peggior strumento per l’astrofotografia e il cellulare è il peggior strumento per qualsiasi foto… Vediamo cosa riesco a combinare!

Comunque vadano i miei esperimenti di astrofotografia, mi aspetto un’eclissi spettacolare e le premesse ci sono tutte.

Avremo tutto il tempo per goderci l’eclissi

Sarà la più lunga eclissi del secolo perché la Luna è in apogeo, cioè si trova alla maggiore distanza dalla Terra.
È vero che la vedremo leggermente più piccola di quando è in perigeo (più o meno un 14%), ma essendo la distanza maggiore, impiegherà un po’ di tempo per uscire dal cono d’ombra creato dalla Terra: circa 1 h 40 min per la fase di eclissi totale.
Durerà così tanto anche perché il transito sarà molto vicino al centro del cono d’ombra, inoltre la Terra in questo periodo si trova nel punto più distante dal Sole (afelio) e proietta un’ombra più larga di quando è in perielio.

L’evento avrà inizio alle 19:13 con la prima fase parziale (penombra). La totalità (ombra) arriverà alle 21:30 e durerà fino alle 23:13, dopodiché il tutto si concluderà con l’uscita dalla seconda fase parziale alle 01:30.
Spero di non rovinare la sorpresa a nessuno riportando una simulazione di quello che vedremo.

Eclissi di Luna 2018
Una simulazione dell’eclissi di Luna del 27 luglio 2018. Orario espresso in UTC (considerare +2 h per l’Italia). // Credits: earthsky.org

Luna rossa e pianeta rosso

La Luna non sarà l’unico corpo celeste tinto di rosso, ma sarà accompagnata dal rosso astronomico per eccellenza: Marte!

Marte si trova in opposizione al Sole proprio domani sera e sarà una Grande Opposizione, perché il pianeta sarà relativamente vicino alla Terra (in termini astronomici, a 0.386 UA da noi, ovvero “soli” 57.7 milioni di kilometri), quindi lo vedremo particolarmente luminoso e vicino alla Luna. Si muoverà nel cielo con lei e ci terrà compagnia per tutta la durata dell’eclissi.

La Luna durante la totalità e Marte alle 22:00 del 27 luglio 2018. Screenshot: Stellarium

Ma perché la Luna diventa rossa? Perché vive pur sempre di luce riflessa, o meglio, in questo caso rifratta.
È l’atmosfera terrestre a proiettare l’alone rosso sul nostro satellite.
Quando un raggio di luce incontra la nostra atmosfera, solo alcune frequenze dello spettro le passano attraverso (nello specifico quelle più vicine all’infrarosso), mentre le altre (tra il verde e il violetto) vengono disperse.
I fasci di luce rossastra vengono poi piegati (cioè rifratti) quando entrano ed escono dall’atmosfera e domani li vedremo in azione mentre dipingono la Luna.
Se la Terra fosse senza atmosfera, la Luna verrebbe oscurata totalmente e apparirebbe nera. Non disperiamoci, senza atmosfera non potremmo goderci lo spettacolo in ogni caso.


E se il cielo sarà coperto dalle nuvole? Vorrà dire che mi consolerò con la visione in diretta da Roma.

No, in realtà non mi consolerei affatto.
Anzi, darò in escandescenze se il maltempo non mi lascerà vedere l’eclissi di Luna per la seconda volta, come è stato il 28 settembre 2015.

Nuvole, siete belle anche voi e spesso vi adoro, ma quella notte siete state crudeli. Era pure il mio compleanno. Stavolta spero abbiate la creanza di non farmi lo stesso dispetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.